Turismo scolastico

turismo scolasticoIL PIEMONTE A 360 GRADI!!! PROPOSTE PER LA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA.

Sotto il cappello Welcome Piemonte  operano WELCOME PIEMONTE, Società nata nel 2006, e TURISMO E TERRITORIO, Agenzia di Viaggi e Tour Operator. Il gruppo di lavoro, composto da guide turistiche professioniste abilitate sulle province di Asti, Alessandria, Cuneo e Torino, vanta una notevole esperienza nel settore della fruizione e della promozione turistica sul territorio piemontese, rivolgendo da sempre particolare attenzione al turismo scolastico.

Con il presente catalogo ci si intende proporre alle scuole di ogni ordine e grado al fine di fornire, attraverso visite guidate e laboratori, strumenti d’approfondimento in grado di accrescere l’osservazione e la conoscenza del patrimonio, inteso nel suo senso più ampio: naturalistico-paleontologico, letterario, storico, artistico, e sportivo. Particolare attenzione è rivolta alle produzioni locali.

TUTTE LE PROPOSTE ELENCATE POSSONO ESSERE ADEGUATE ALLE SPECIFICHE ESIGENZE DEI PARTECIPANTI E ABBINATE TRA LORO PER CREARE UN SOGGIORNO DI PIU’ GIORNI.

bandiera-ingleseINOLTRE POSSONO ESSERE PREVISTE VISITE GUIDATE ANCHE IN LINGUA INGLESE (IL LIVELLO VERRÀ ADEGUATO ALLA CONOSCENZA).

Per coloro che necessitano di servizi turistici aggiuntivi in collegamento alle proposte illustrate (mezzo di trasporto, ristorazione, pernottamento…) Welcome Piemonte sarà a disposizione per soddisfare qualsiasi richiesta.

COSTI DELLE ATTIVITÀ: mezza giornata: 6,00 euro a studente – intera giornata: 10,00 euro a studente

Per info e prenotazioni: info@welcomepiemonte.it – 339 5315104 –  348 3938038

ITINERARI NATURALISTICI – SPECIALE PALEONTOLOGIA

IMG_20130414_124346PALEOLAB

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria di primo grado.

Descrizione: la giornata inizia con una presentazione sull’evoluzione geologica del territorio astigiano fino al suo attuale assetto morfologico. A seguire visita al Museo Paleontologico sito presso il Complesso del Michelerio ad Asti dove sono esposti, tra gli altri reperti, risalenti al Pliocene (dai 5 milioni a 1 milione circa di anni fa), una consistente raccolta di conchiglie fossili, la famosa balenottera Tersilla, vissuta circa tre milioni e mezzo di anni fa e la Viglianottera, uno dei ritrovamenti più interessanti a livello europeo risalenti all’era Terziaria. L’attività pratica consisterà nella produzione di calchi in das, nella classificazione di resti di conchiglie fossili e attuali, ed infine nella ripulitura dei fossili. L’attività proseguirà nel pomeriggio con un’escursione nella Riserva Naturale Speciale di Valle Andona, Valle Botto e Val Grande, dove si osserveranno gli affioramenti fossiliferi e si effettuerà una coinvolgente simulazione di scavo.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta ad Asti e a Valleandona (AT) in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

delfinoGEOLOGI PER UN GIORNO

Destinatari: scuola dell’infanzia e primi due anni di scuola primaria.

Descrizione: una giornata tra rocce, fossili e natura… nella splendida cornice del Monferrato, tra le colline di Vinchio e Cortiglione. Si comincia con un’escursione di carattere geologico e naturalistico nella Riserva Naturale Speciale della Val Sarmassa dove, camminando tra boschi e vigneti, si raggiungerà un affioramento fossilifero formatosi nel Pliocene. L’affioramento sarà il punto di partenza per raccontare l’origine di questo territorio, ricoperto fino a 2 milioni di anni fa dal mare, e per osservare alcuni fossili-campione risalenti a quel periodo geologico. Nel pomeriggio, attività di laboratorio presso i locali del Comune di Vinchio. La parte pratica consisterà nell’osservazione e nella classificazione di alcuni campioni di rocce, tra cui argille, marne, arenarie e calcari. A seguire, pulitura e analisi di sezioni di affioramento, classificazione di conchiglie fossili e attuali, realizzazione di calchi in das di conchiglie.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Vinchio (AT), tra la Riserva Naturale Speciale della Val Sarmassa e il centro storico del paese, in un incontro di mezza o intera giornata, secondo le esigenze dei partecipanti.

la-balenottera-di-valmontasca-300x236SPECIALE VIGLIANOTTERA

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria.

Descrizione: visita al Museo Paleontologico sito presso il Complesso del Michelerio ad Asti dove sono esposti, tra gli altri reperti, risalenti al Pliocene (dai 5 milioni a 1 milione circa di anni fa), una consistente raccolta di conchiglie fossili, la balenottera Tersilla, vissuta circa tre milioni e mezzo di anni fa e la famosa Viglianottera, uno dei ritrovamenti più interessanti a livello europeo risalenti all’era Terziaria.

Modalità di svolgimento: l’attività si svolgerà ad Asti e avrà una durata di due ore ad un costo promozionale di 69,00 euro a classe!

ITINERARI LEGATI ALLA CONOSCENZA DELLE PRODUZIONI TIPICHE

IMG_4932DALLA VIGNA ALLA CANTINA – Il ciclo della vite e i processi di vinificazione

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria.

Descrizione: tra i filari delle colline di Vinchio e dintorni agli studenti verrà illustrato il ciclo della vite e tutte le fasi che scandiscono il lavoro del contadino nella vigna, dall’impianto alla raccolta; si passerà poi alla Cantina di Vinchio e Vaglio Serra per conoscere passaggio dopo passaggio l’intero processo di vinificazione.

Modalità di svolgimento: l’attività potrà essere svolta a Vinchio (AT), in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), in qualunque periodo dell’anno scolastico anche se è consigliabile il periodo della vendemmia, attività a cui gli studenti potranno assistere direttamente.

nocciole NOCCIOLANDIA

Destinatari: scuola d’infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di primo grado.

Descrizione: passeggiata tra le colline di Castellero, città della nocciola, per scoprire i segreti di questo prezioso frutto. Durante il percorso tra boschi e noccioleti, verrà illustrato l’intero ciclo di produzione delle nocciole e al termine ingresso in una azienda locale per visitarne il laboratorio. Su richiesta: merenda con i prodotti dell’azienda, pranzo in agriturismo. Per i più piccoli: laboratorio “BISCOTTIAMO” (preparazione di biscotti a base di nocciole).

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Castellero (AT), in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

foto formaggi freschi - CASCINA VALEGGIADAL LATTE AL FORMAGGIO!

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria.

Descrizione: attraverso un’escursione nelle splendide colline piemontesi gli studenti potranno vedere da vicino gli animali, conoscere il metodo di allevamento e di produzione di alcuni alimenti locali. Un’ottima possibilità per farli entrare in contatto con la fauna del territorio non solo sui libri, ma anche sul campo. Particolare attenzione sarà posta su tutti i passaggi di questa filiera.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta in strutture piemontesi, in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

passeggiando“PROGETTANDO …IN VERDE” PER UN FUTURO SOSTENIBILE

Attività di progettazione in campo ambientale per un turismo sostenibile

Destinatari: scuola secondaria.

Descrizione: l’obiettivo sarà quello di analizzare un’area protetta ai fini di costruire un progetto volto a sviluppare il turismo sostenibile. La Riserva Naturale Speciale della Val Sarmassa sarà presa in esame come “caso studio”. Con la creazione di veri gruppi di lavoro si analizzeranno i “legami” che strutturavano e strutturano un sistema locale territoriale, i problemi e le criticità dell’area; infine si passerà all’ideazione di percorsi territoriali ad hoc volti allo sviluppo del turismo sostenibile in campo turistico e didattico. In mattinata presentazione della Riserva Naturale Speciale della Val Sarmassa e del caso studio, e percorso guidato nella Riserva con il supporto di una scheda ricognitiva, al fine di attuare un’osservazione controllata. Possibilità di scelta tra due itinerari: uno dedicato al percorso letterario di Davide Lajolo, l’altro al percorso naturalistico-paleontologico. Nel pomeriggio visita alla Cantina di Vinchio e Vaglio Serra, punto di forza dell’economia e dei valori locali. Suddivisione dei gruppi di lavoro e rielaborazione, con materiale di supporto, delle osservazioni riscontrate al mattino in Riserva. Produzione di offerte turistiche ad hoc indirizzate a target diversificati, nel ruolo di “Consulenti territoriali” e “Progettisti di percorsi educativi”.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Vinchio (AT), in un incontro giornaliero o suddiviso in due giornate.

ALLA SCOPERTA DELLE AZIENDE LOCALI…TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

Una serie di speciali visite guidate per scoprire alcune realtà imprenditoriali di successo e ben radicate sul territorio piemontese, che da decenni si distinguono nella produzione di alcune tipicità locali in ambito enogastronomico, settore di fondamentale importanza nel territorio piemontese, sia dal punto di vista economico che da quello sociale e culturale.

Grappolo uvaLE STRAORDINARIE FILIERE DEL VINO.

Dal grappolo d’uva al vino…e alla grappa

Destinatari: scuola secondaria.

Descrizione: in mattinata si comincia dal paese di Vinchio, tra le colline del Sud Astigiano divenute Patrimonio UNESCO, località famosa a livello mondiale per la produzione di eccellenti vini Barbera. Visita ad un antico vigneto e a seguire ingresso alla rinomata “Cantina di Vinchio e Vaglio Serra”. Durante la visita verrà illustrato non solo il processo produttivo, ma anche le strategie di gestione e commerciali che hanno contribuito a trasformare una cantina sociale in un’azienda leader del settore a livello internazionale, senza intaccarne i valori originari. Nel pomeriggio trasferimento a Mombaruzzo per visitare prestigiose “Distillerie”, caratterizzate da un modello imprenditoriale innovativo; qui lo scarto della vinificazione si trasforma nella grappa, un prodotto sempre più ricercato e apprezzato anche dai nuovi gourmet. Visita ai moderni impianti di distillazione e al curioso “Museo degli antichi alambicchi” e infine ingresso al laboratorio dolciario, di recente avviato all’interno dell’azienda, dove vengono prodotti gli “Amaretti morbidi”, specialità gastronomica di questo piccolo borgo. Un sapiente connubio tra distillati e prodotti da forno assolutamente unico nel suo genere, frutto dell’incontro tra tradizione e modernità. Possibilità di assaggio e acquisto dei prodotti presso tutte le aziende visitate.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta nei paesi di Vinchio e Mombaruzzo, in un incontro della durata di una giornata.

aceteria merlinoDal grappolo d’uva al vino…e all’aceto

Destinatari: scuola secondaria.

Descrizione: la mattinata si svolge nel paese di Castelnuovo don Bosco, tra le colline del Nord Astigiano, area strategica per l’attività vitivinicola, che trova nei vini Barbera, Malvasia e Freisa le sue produzioni più caratteristiche. Visita alla rinomata cantina “Terre dei Santi”, per conoscere tutto il processo produttivo, dalla pesatura delle uve fino all’invecchiamento in legno e all’imbottigliamento.

Nel pomeriggio, trasferimento alla vicina Agriaceteria Merlino, azienda agricola unica nel suo genere sul territorio astigiano, presso la Cooperativa “Il Ramo d’Oro”, per conoscere metodi di lavorazione ed utilizzi dell’aceto. Tra le vigne dell’azienda verranno illustrati il ciclo della vite e le diverse fasi di lavoro in vigna durante le 4 stagioni, per poi passare alla produzione dell’aceto nei locali dell’azienda. L’Aceteria produce il proprio aceto utilizzando solo vini e miele di ottima qualità, ricavati da uve monovitigno locali, e puntando in particolare su lunghi invecchiamenti. Oltre agli aceti, l’azienda produce vellutate, mostarde, mosto cotto e condimenti balsamici, con cui rifornisce diversi chef stellati italiani. Visita all’acetaia, alla barricaia e al giardino botanico, tra simpatici aneddoti e curiosità. Possibilità di assaggio e acquisto dei prodotti presso tutte le aziende visitate.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Castelnuovo don Bosco (AT), in un incontro di mezza o intera giornata, secondo le esigenze dei partecipanti.

ITINERARI LETTERARI

155520_121672157896704_100001617625142_131511_1118017_nDestinatari: scuola primaria e scuola secondaria.

Descrizione: visita ai luoghi vissuti e narrati da quattro grandi scrittori piemontesi, per conoscerne la vita, gli ideali, le opere ed il profondo legame con il proprio territorio.

Cesare Pavese6CESARE PAVESE

Visita di carattere sommario. Il percorso si snoda nel paese di Santo Stefano Belbo, dove lo scrittore nacque e ambientò il suo ultimo romanzo, “La luna e i Falò”. L’itinerario comprende la visita alla “Fondazione Cesare Pavese”, polo d’attrazione per i ricercatori e gli appassionati, dove è allestito un museo con oggetti e testi appartenuti allo scrittore. A seguire ingresso alla “Casa Natale”, che conserva la camera in cui è nato, volumi, documenti e fotografie significative dello scrittore; infine breve sosta presso la “Cascina della Mora” e visita alla “Casa di Nuto”, dove un suggestivo museo allestito con gli oggetti e gli strumenti originali fa rivivere il laboratorio di falegnameria di Pinolo Scaglione, miglior amico di Cesare Pavese e personaggio fondamentale del romanzo.

Visita strutturata su un percorso “cronologico”

TAPPA 1: CASA NATALE. Qui si potranno osservare alcune foto, libri e manoscritti e visitare la stanza in cui lo scrittore è nato. Verranno letti brani da “Il mestiere di vivere” e “Lavorare stanca” proponendo analogie e differenze tra la prima edizione (1936) e le seconda (1942).

TAPPA 2: COLLINA DELLA GAMINELLA. Passeggiata sulla “Gaminella” (40 minuti circa) dove verrà trattato il tema del paesaggio e il mondo contadino attraverso letture tratte da “La luna e i Falò”. La “Gaminella” rappresenta l’infanzia del protagonista, con i giochi, i sogni e i miti che la caratterizzano: Anguilla sogna di superare le colline di Canelli, prendere il treno e girare il mondo. Ma la “Gaminella” è anche la collina della Resistenza partigiana, dove tanti ragazzi durante la guerra hanno perso la vita.

Pranzo libero o in agriturismo consigliato.

TAPPA 3: CASA BOTTEGA DI NUTO. Si prosegue con la casa-bottega di Nuto, amico di Cesare e personaggio chiave del suo ultimo romanzo. Nuto rappresenta la saggezza popolare e il legame con un passato che non potrà più tornare. In questo luogo trasformato in museo, verranno letti brani tratti da “La luna e i Falò”.

TAPPA 4: CIMITERO. Sosta presso la tomba dello scrittore: “Ho dato poesia agli uomini”, si legge sulla lapide. In questo luogo verrà trattato il tema della contrapposizione tra l’autocelebrazione di sè e il dramma del suicidio, tra la realizzazione professionale e la consapevolezza di una mancata maturazione esistenziale da cui scaturisce il senso di sconfitta e di amarezza.

TAPPA 5: FONDAZIONE CESARE PAVESE. Infine sosta alla Fondazione Cesare Pavese, che conserva un piccolo museo dedicato allo scrittore dove si lavora attivamente per diffondere e valorizzare i testi di Pavese e il suo territorio.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Santo Stefano Belbo (CN) in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

DAVIDE LAJOLO A 70 ANNIDAVIDE LAJOLO

Il percorso si svolge tra gli affascinanti paesaggi dell’Alto Monferrato Astigiano, nel piccolo paese di Vinchio, polo di attrazione per turisti e appassionati grazie alla presenza della Riserva Naturale Speciale della Val Sarmassa ed alla ricca tradizione enogastronomica, fatta di tartufi, asparagi e di eccellenti vini Barbera. Su queste silenziose colline nacque e visse i momenti fondanti della sua avventurosa esistenza Davide Laiolo,  divenuto famoso per la sua attività di scrittore, giornalista, deputato, e soprattutto di partigiano con il soprannome di Ulisse. Il percorso a lui dedicato inizia a Vinchio con la visita al Museo multimediale “Vinchio è il mio nido”, così come Laiolo aveva definito il suo paese natale, dove foto e citazioni tratte dai suoi libri raccontano la sua vita di partigiano e scrittore e la sua attività in campo politico e giornalistico. Si prosegue con alcune brevi soste in paese (il “castello”, la piazza del Comune) per poi spostarsi alla Riserva Naturale Speciale della Val Sarmassa per scoprire con una tranquilla passeggiata i luoghi principali dello scrittore (la Ru, il casotto di Ulisse, ecc…). Pranzo al sacco in Riserva. Nel pomeriggio trasferimento alla Cantina di Vinchio e Vaglio Serra per conoscere, passaggio dopo passaggio, tecniche e segreti dell’intero processo di vinificazione con possibilità di acquisto dei prodotti dell’azienda.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Vinchio (AT) in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

fenoglioBEPPE FENOGLIO

Un percorso dedicato al grande scrittore piemontese ed alle sue principali opere, da momenti di vita contadina sulle Langhe agli episodi salienti della Resistenza partigiana. L’itinerario prende il via dal centro storico di Alba, cittadina natale dello scrittore; ci si soffermerà sulla Sala della Resistenza, allestita presso il Municipio, che illustra con foto ed oggetti del periodo la Resistenza sulle colline albesi; l’ex macelleria e abitazione di famiglia, a pochi passi dal Duomo, ed il Liceo Classico Govone, luogo di formazione intellettuale e morale del giovane Fenoglio. Ingresso al Centro Studi Fenogliani per una breve visita. Pranzo libero o in una struttura convenzionata. Il  percorso proseguirà nelle colline dell’Alta Langa Cuneese, tra Manera, San Bovo di Castino e Mango, alla scoperta dei luoghi di “ll partigiano Johnny” e de “La Malora”. Meta della passeggiata, immersi in un paesaggio senza eguali, sarà la famosa Cascina del Pavaglione, simbolo di quelle Langhe materne e matrigne che lo scrittore amò profondamente. Possibilità di concludere la giornata con una sosta al paese di Mango, per rivivere alcuni episodi contenuti non solo ne “ll partigiano Johnny”, ma anche in “Appunti partigiani” e in “Una questione privata”, e per visitare l’Enoteca Regionale del Moscato, ospitata nel castello ancora ben conservato.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta ad Alba (CN) e aree limitrofe in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

IM000407.JPGVITTORIO ALFIERI

Pochi conoscono realmente lo scrittore e tragediografo Vittorio Alfieri, nato ad Asti nel 1749 e conosciuto in tutta Europa per le sue grandi opere teatrali. La visita guidata nel centro storico di Asti toccherà i luoghi collegati allo scrittore, tra i quali Palazzo Alfieri e la chiesa di San Martino, se ne scopriranno la vita e le avventure, e quegli ideali di unità e libertà che lo resero vero anticipatore del Risorgimento cittadino e piemontese. Ingresso al Museo del Risorgimento di Asti, sito in Palazzo Ottolenghi, splendido edificio settecentesco, dove la visita includerà il  rifugio antiaereo sotterraneo costruito nel 1943. Pranzo libero o in una struttura convenzionata. L’itinerario proseguirà presso il borgo di San Martino Alfieri, che prese il nome dal nobile casato astigiano che ne possedette il feudo; la famiglia diede i natali allo scrittore ed al grande architetto Benedetto che realizzò il loro castello nel Settecento; inoltre commissionò la parrocchiale, ricca di importanti opere d’arte. Ingresso al Castello dei Marchesi, che ospita una prestigiosa azienda vitivinicola, dove si potranno visitare le cantine storiche, il giardino all’italiana e scoprire il re di vini rossi di questa zona, ovvero la Barbera d’Asti docg.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta ad Asti e aree limitrofe in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

Gli itinerari, suscettibili di eventuali modifiche in base alle preferenze dei docenti, saranno accompagnati dalla lettura di alcuni brani, preferibilmente selezionati e letti direttamente dagli studenti; in alternativa la guida leggerà alcuni testi scelti tra quelli sopra proposti.

ITINERARI STORICO-CULTURALI

Cattedrale AstiALLA SCOPERTA DELL’ASTI ROMANA…TRA CIBO E VINO

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria.

Descrizione: un viaggio indietro nel tempo, fino all’epoca romana, per riscoprire le tracce di Hasta Pompeia, il sito romano di Asti che tra il I ed il II secolo seppe guadagnarsi un posto tra le “nobili città” della Gallia Cisalpina. L’itinerario parte da Piazza Cattedrale, già area del foro, come dimostrano alcuni resti di edifici romani reimpiegati all’interno del Duomo. Si prosegue con la domus, piccolo gioiello del patrimonio archeologico locale, e con la Torre Rossa, resto della porta occidentale di Hasta. Camminando lungo il decumano massimo, si raggiunge la Cripta di Sant’Anastasio, con l’annesso Museo Lapidario, dove l’architettura romana si fonde in modo unico con quella medievale. Durante la visita, verranno approfonditi usi e costumi dell’Antica Roma, spaziando dalla vita pubblica a quella domestica. La seconda parte della giornata sarà dedicata, invece, al tema dell’alimentazione in Epoca Romana, riservando particolare attenzione al vino e alle sue molteplici valenze: rituale, sociale, curativa, economica e ludica. Nell’attività pratica, gli studenti scopriranno l’Ippocrasso, il famoso vino speziato tanto amato dai patrizi. Attraverso l’uso dell’olfatto, i ragazzi dovranno riconoscere le varie spezie ed ingredienti utilizzati nella sua preparazione, dei quali si illustreranno proprietà e curiosità, per poi riprodurlo loro stessi… per un cin cin finale da veri latini!

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta nel centro storico di Asti (AT), in un incontro di mezza o intera giornata, secondo le esigenze dei partecipanti.

Nizza Monferrato - Palio di Asti 4ALLA SCOPERTA DELLA CITTA’ DI “ASTE”…DOVE IL MEDIOEVO VA IN SCENA!

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria.

Descrizione: un salto indietro nel tempo alla scoperta della città di Asti, che con il nome di Aste visse nel Medioevo la sua “Età dell’Oro”. Passeggiando tra le case-forti e le sue famose torri, simbolo del potere delle famiglie che la governarono, si rivivranno le battaglie tra Guelfi e Ghibellini, tra liberi Comuni e Impero, tra nobili e borghesi. Si scoprirà una città medievale ambiziosa ed elegante, fatta di commercio, di banche e di cultura, ambita da Visconti, Savoia e Gonzaga. Si visiterà la Collegiata di San Secondo, in stile gotico, dedicata al Patrono, e si racconterà la storia del Palio, il più antico d’Italia; si entrerà nella Cattedrale dell’Assunta, monumentale nelle sue architetture trecentesche, e si sveleranno le origini romane di quella che fu un tempo Hasta Pompeia. Ultima tappa sarà la Cripta di Sant’Anastasio, con annesso Museo Lapidario, gioiello dell’architettura romanica regionale, per rivivere i fasti dell’epoca, dalla nascita del Ducato Longobardo a quella dei grandi ordini monastici. Durante la visita, attività interattiva “FOCUS MEDIOEVO”: i ragazzi dovranno riconoscere, con il supporto di schede didattiche, particolari architettonici e decorativi dei vari monumenti e scoprire, risolvendo un curioso rebus, il motto portafortuna di Aste! Come attività pratica finale, “A CIASCUNO.. IL SUO PALIO!”: i ragazzi, mettendo in campo fantasia e abilità artistica, dovranno cimentarsi nella creazione di un proprio Palio, dando una personale interpretazione al tema. L’autore del disegno più originale riceverà un simpatico premio!

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta nel centro storico di Asti (AT), in un incontro di mezza o intera giornata, secondo le esigenze dei partecipanti.

abbazia s.maria di vezzolano (fr.vezzolano di albugnano) BIGA SPASSO NEL MEDIOEVO…TRA STORIA E LEGGENDA 

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria.

Descrizione: un’attività dedicata alla storia medievale che, come per magia, verrà riportata in vita dalle pagine dei libri fino alle colline del Monferrato, tra le sculture e gli affreschi della celebre Abbazia di Santa Maria di Vezzolano. L’Abbazia, con i suoi oltre 900 anni di storia, si presenta come il luogo perfetto per approfondire alcuni aspetti del mondo medievale, attraverso i curiosi personaggi che vi ruotarono intorno, cominciando da Carlo Magno, il suo leggendario fondatore. Nel corso della visita guidata alla chiesa e al chiostro si scopriranno poi l’Abate, il Pellegrino, il Farmacista, il Re, il Cuoco, il Conte.. e altri ancora! Durante la visita, con il supporto di schede didattiche, attività interattiva “CACCIA ALL’INTRUSO”: i ragazzi dovranno riconoscere, attraverso alcuni indizi, personaggi e animali rappresentati nella decorazione della chiesa, ed individuare quelli estranei alla cultura dell’epoca.

Al termine, divisi in gruppi, “MEDIOQUIZ AL VOLO”, un divertente cruciverba “in movimento” ispirato al Medioevo… per mettere in campo memoria, astuzia e velocità!

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta presso l’Abbazia di Santa Maria di Vezzolano, ad Albugnano (AT), in un incontro di mezza o intera giornata, secondo le esigenze dei partecipanti.

TorinoTORINO E IL MUSEO DEL CINEMA

Destinatari: scuole secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: partenza da Piazza Castello, dominato da Palazzo Madama, costruito su una delle 4 porte della città romana di Augusta Taurinorum e caratterizzato dalla bella facciata disegnata con lo scalone dal grande Filippo Juvarra all’inizio del Settecento. A pochi passi ecco invece Palazzo Reale, residenza ufficiale dei Savoia fino al 1865, ampliato e  riccamente decorato da Juvarra, Benedetto Alfieri e Francesco Beaumont. Da vedere inoltre la chiesa barocca di San Lorenzo, la prima opera torinese del famoso architetto Guarini. Spostandosi in direzione di Piazza San Giovanni, ecco il Duomo, unico edificio religioso rinascimentale della città, dove viene gelosamente custodita la Sacra Sindone. Da qui sono visibili i resti della Porta Palatina e di un teatro romano, nonché i resti di un mosaico pavimentale datato al XII secolo; tra la chiesa e Palazzo Reale si scorge, invece, la splendida Cappella della Sindone. Spostandosi verso la centrale Via Roma, si raggiunge Piazza San Carlo, il vero salotto all’aperto di Torino, con le chiese gemelle e lo storico Caffè. In pochi minuti si arriva a Piazza Carignano, che ospita il monumentale Palazzo Carignano e il Teatro, nonché il rinomato ristorante “Del Cambio”, frequentato anche da Cavour. Pranzo al sacco o in un locale del centro a prezzo convenzionato. Ingresso al Museo Nazionale del Cinema, allestito nella Mole Antonelliana, uno dei poli espositivi più visitati al mondo, progettato dal celebre scenografo francese François Confino come un vero e proprio viaggio alla scoperta del mondo dell’immagine in movimento. L’ascensore panoramico permette di salire fino al “tempietto” ed al suo straordinario balcone, a ben 85 metri di altezza, che offre una visuale a 360 gradi sulla città e sull’anfiteatro delle Alpi.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Torino, in un incontro di durata variabile (mezza giornata o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

IMG_0525TORINO E LA REGGIA DI VENARIA REALE

Destinatari: scuole secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: visita guidata al centro storico di Torino. Pranzo al sacco o in un locale del centro a prezzo convenzionato. Trasferimento alla Reggia di Venaria Reale, dove Carlo Emanuele II riuscì a concentrare “…tutto quanto può servire allo svago…”  in un’architettura sontuosa, che rappresenta una delle più alte espressioni del barocco universale, a cui lavorarono i più grandi architetti dell’epoca, da Castellamonte a Garove, da Juvarra ad Alfieri; basti citare il Salone di Diana, la Galleria Grande, la Cappella di Sant’Uberto e, nondimeno, gli splendidi Giardini, che si estendono per ben 80 ettari tra fontane, piscine, roseti e frutteti.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Torino e aree limitrofe, in un incontro di durata variabile (mezza giornata o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

150unita_italiaTORINO, PRIMA CAPITALE D’ITALIA: IL RISORGIMENTO TRA I LUOGHI DEL POTERE, DELLA CULTURA E DELLA MONDANITÁ

Destinatari: scuole secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: si parte da Piazza Castello, dominata da Palazzo Madama, sede del Senato Subalpino e poi del Senato Italiano dal 1861 al 1864; a seguire ingresso a Palazzo Reale, residenza dei re di Sardegna e del primo re d’Italia sino al 1865, nonché sede in passato dei ministeri di Grazia e Giustizia, della Guerra, dell’Interno e degli Esteri. All’imbocco di Via Po si raggiunge la nota gioielleria “Musy”, la più antica d’Italia, vero esempio dell’eccellenza artigianale torinese, divenuta con Carlo Alberto fornitrice ufficiale della Casa Reale. A seguire Palazzo Graneri con il Circolo degli Artisti, luogo di incontro e di confronto per gli artisti torinesi dell’Ottocento. Pranzo al sacco o in un locale convenzionato. Nel pomeriggio ci si sposta a Palazzo Carignano, che conserva l’aula della Camera dei Deputati del Regno di Sardegna, per la visita al Museo Nazionale del Risorgimento, unico per ricchezza e rappresentatività delle collezioni. Sulla piazza si affaccia anche il ricercato ristorante “Del Cambio”, frequentato assiduamente da Cavour. A pochi passi l’Accademia delle Scienze, molto attiva nella ricerca scientifica e tecnologica dell’epoca, ed il Salotto d’Azeglio, oggi sede della Fondazione Einaudi, all’epoca luogo di ritrovo politico e mondano molto frequentato. Conclusione in Piazza San Carlo, con una tappa “gustosa” presso lo storico Caffè San Carlo, molto in voga nel XIX secolo.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Torino, in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

IMG_20130413_202130LA TORINO DEL CONTE DI CAVOUR… TRA POLITICA, CULTURA E SVAGO

Destinatari: scuole secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: il percorso inizia da Piazza Castello, con lo splendido Palazzo Madama, sede del Senato Subalpino e poi del Senato Italiano dal 1861 al 1864, e Palazzo Reale, residenza dei re di Sardegna e del primo re d’Italia sino al 1865. Spostamento a Palazzo Cavour, l’abitazione di famiglia: qui Camillo Benso nacque e trascorse gran parte della sua avventurosa esistenza. Tappa successiva Palazzo Carignano, che conserva l’aula della Camera dei Deputati del Regno di Sardegna, per la visita al Museo Nazionale del Risorgimento, unico per ricchezza e rappresentatività delle collezioni. Sulla piazza si affaccia anche il ricercato ristorante “Del Cambio”, frequentato assiduamente da Cavour. Pranzo al sacco o in un locale convenzionato. Tappe del pomeriggio saranno “Caffè Fiorio”, in Via Po, altro storico locale torinese, e “Caffe Bicerin”, in piazza della Consolata, dove per tradizione venne inventata la famosissima  bevanda, entrambi molto frequentati da aristocratici ed intellettuali, nonché da Cavour. Ingresso alla chiesa della Consolata, capolavoro dell’architettura barocca piemontese. Conclusione in Piazza San Carlo, dove aveva sede la Società del Whist, fondata da Cavour. “Congedo gustoso” presso lo storico Caffè San Carlo.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Torino, in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

DSC_0099IL RISORGIMENTO… DA TORINO ALLE LANGHE

Destinatari: scuole secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: il percorso inizia da Piazza Castello, con lo splendido Palazzo Madama, sede del Senato Subalpino e poi del Senato Italiano dal 1861 al 1864, e Palazzo Reale, residenza dei re di Sardegna e del primo re d’Italia sino al 1865. Spostamento a Palazzo Cavour, l’abitazione di famiglia: qui Camillo Benso nacque e trascorse gran parte della sua avventurosa esistenza. Tappa successiva Palazzo Carignano, che conserva l’aula della Camera dei Deputati del Regno di Sardegna, per la visita al Museo Nazionale del Risorgimento, unico per ricchezza e rappresentatività delle collezioni. Sulla piazza si affaccia anche il ricercato ristorante “Del Cambio”, frequentato assiduamente da Cavour. A seguire “Caffè Fiorio”, in Via Po, e Caffè San Carlo, entrambi molto amati dal Conte. Pranzo al sacco o in un locale convenzionato. Trasferimento nelle colline delle Langhe, per visitare il castello di Grinzane Cavour, dalla struttura medievale perfettamente conservata. Acquistato dalla famiglia all’inizio dell’Ottocento, passò in gestione ad un giovanissimo Camillo Benso, che vi si insediò come amministratore delle tenute e sindaco del paese, promuovendo il recupero dei vigneti circostanti e la nascita del famoso vino Barolo. Nell’Enoteca Regionale sarà possibile acquistare vini ed altri prodotti tipici del territorio.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Torino e Grinzane Cavour, in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

Castello di BaroloL’UNITA’ D’ITALIA SULLE COLLINE

Destinatari: scuole secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: visita al centro storico di Saluzzo, città natale del noto patriota e scrittore Silvio Pellico. Da Piazza Vineis, con il monumento a lui dedicato, si raggiunge Piazza Risorgimento, dominata dalla grandiosa Cattedrale dell’Assunta. A seguire ecco Piazzetta dei Mondagli, su cui si affaccia la casa natale dello scrittore, e la Salita al Castello, cuore della vita sociale ed economica del Marchesato saluzzese; tra gli eleganti edifici tardomedievali spicca il Palazzo Comunale, con la torre civica alta ben 48 metri. Tappe successive saranno l’antico Convento di San Giovanni, e Casa Cavassa, un tempo dimora signorile e oggi sede del Museo Civico, con le belle sale affrescate arricchite da tavole dipinte ed arredi di epoca medievale e rinascimentale. Pranzo al sacco o in un locale convenzionato. Trasferimento nelle colline delle Langhe, per visitare il castello di Grinzane Cavour, dalla struttura medievale ben conservata. Acquistato dalla famiglia Cavour all’inizio dell’Ottocento, passò in gestione ad un giovanissimo Camillo Benso che vi si insediò anche come sindaco del paese. Nell’Enoteca Regionale sarà possibile acquistare vini ed altri prodotti locali. Ultima tappa il castello di Barolo, proprietà per oltre 600 anni dei potenti Marchesi Falletti. Gli ultimi signori di Barolo, il marchese Carlo Tancredi Falletti e la moglie Juliette Colbert furono personaggi chiave del mondo politico, intellettuale e socio-assistenziale torinese dell’Ottocento. Tra le sale spiccano la biblioteca e la camera di Silvio Pellico che, uscito dallo Spielberg, lavorò come bibliotecario per gli ultimi marchesi. Al contempo, nel WINE MUSEUM, vi potrete immergere in un viaggio sensoriale unico attraverso il mondo del vino, dalla cronaca alla leggenda, dalla pittura al cinema, dalla musica alla letteratura. Nelle cantine del maniero ha sede l’Enoteca Regionale del Barolo.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Saluzzo (CN), Grinzane Cavour (CN) e Barolo (CN), in un incontro di durata variabile (mezza o intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

SinagogaALLA SCOPERTA DELLA CASALE EBRAICA: DALLA SINAGOGA DEGLI ARGENTI AL VINO DI TORAH

Destinatari: scuole secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: visita alla Sinagoga di Casale Monferrato, una delle più sfarzose d’Europa, eretta in perfetto stile rococò piemontese nella prima metà del Settecento. Si continua con il Museo d’Arte e Storia antica Ebraica, dove un’eccezionale varietà di oggetti racconta usi e costumi del popolo ebraico. Il percorso include anche la Galleria degli Argenti, preziosi manufatti rituali in argento datati tra il XVII ed il XIX secolo, e il Museo dei Lumi, esposizione internazionale di candelabri a otto braccia creati da noti artisti contemporanei con diversi materiali e colori. Pranzo al sacco o in un locale convenzionato. Trasferimento al borgo di Ottiglio e visita ad un’azienda agricola che produce, tra gli altri, anche il raro vino kosher, ottenuto nel rispetto dei precetti della religione ebraica. Alla cantina, fondata nel 1790, si è aggiunta nel tempo la coltivazione di noccioli e piante aromatiche, nonché la produzione di miele, uno degli ingredienti del charoset, il dolce impasto consumato dagli Ebrei durante la cena di Pasqua.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Casale (AL) e Ottiglio (AL), in un incontro di durata variabile (mezza giornata o una intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

DSC_0222ALLA SCOPERTA DI UN PIEMONTE EBRAICO: DALLA SINAGOGA DI CASALE AL GHETTO DI ASTI

Destinatari: scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.

Descrizione: visita alla Sinagoga di Casale Monferrato, una delle più sfarzose d’Europa, eretta in perfetto stile rococò piemontese nella prima metà del Settecento. Si continua con il Museo d’Arte e Storia antica Ebraica, dove una grande varietà di oggetti racconta usi e costumi e del popolo ebraico. Il percorso include anche la Galleria degli Argenti, preziosi manufatti rituali in argento datati tra il XVII ed il XIX secolo, e il Museo dei Lumi, esposizione internazionale di candelabri a otto braccia creati da noti artisti contemporanei con diversi materiali e colori. Pranzo al sacco o in un locale convenzionato. Trasferimento ad Asti, città dal glorioso passato medievale, che custodisce nel centro storico la Sinagoga di fine Ottocento e l’antico ghetto ebraico, all’interno del quale si farà una breve passeggiata. Al termine rielaborazione delle conoscenze apprese attraverso attività mirate: suddivisi in squadre, con enigmi e puzzle, i ragazzi potranno memorizzare in modo sintetico oggetti rituali, usi alimentari, feste e tradizioni ebraiche. In alternativa/aggiunta visita all’antico cimitero ebraico di Asti, dove riposano importanti personaggi del panorama politico e culturale piemontese, dagli Ottolenghi agli Artom, dai Terracini ai Montalcini.

Modalità di svolgimento: l’attività sarà svolta a Casale (AL) e Asti, in un incontro di durata variabile (mezza giornata o una intera giornata), secondo le esigenze dei partecipanti.

IL PIEMONTE: TRAMPOLINO DI GUSTO!

DUE FILIERE A CONFRONTO: NOCCIOLA E VITE

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria di primo grado.

Introduzione agli studenti delle tematiche legate al cibo, con particolare attenzione verso il concetto di alimentazione sana, di prodotto a km zero, di tutela dell’ambiente e della salute del consumatore, nonché della salvaguardia dell’economia rurale locale. Collegamento tra tali tematiche e Nocciola Piemonte. Breve presentazione multimediale relativa al ciclo vitale del nocciolo: il piantino con il suo terreno, la potatura, la fioritura, il frutto… fino al momento della raccolta. La nocciola dalla cascina al forno: selezione, tostatura e la trasformazione in squisiti prodotti della tradizione. A seguire “La nocciola nel passato e nel presente”: le proprietà e i tanti utilizzi della nocciola (dai rami alle foglie, fino al nocciolio)

Collegamento tra le tematiche legate al cibo e la vite/vino. Breve presentazione multimediale con illustrazione del ciclo vitale della pianta e del processo di vinificazione: dall’importanza del suolo alla potatura, dalla vendemmia alla bottiglia. A seguire “Il vino nel passato e nel presente”: storia dell’uva e del vino nel mondo… tra realtà e mito.

Costo a classe: 69,00 euro. Modalità di svolgimento: lezione frontale in classe della durata di 2 ore.

“IL MAGICO MONDO DI NISULIN… ALLA SCOPERTA DELLA NOCCIOLA IGP PIEMONTE”

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria di primo grado.

Introduzione agli studenti delle tematiche legate al cibo, con particolare attenzione verso il concetto di alimentazione sana, di prodotto a km zero, di tutela dell’ambiente e della salute del consumatore, nonché della salvaguardia dell’economia rurale locale. Collegamento tra tali tematiche e Nocciola Piemonte. Breve presentazione multimediale relativa al ciclo vitale del nocciolo: il piantino con il suo terreno, la potatura, la fioritura, il frutto… fino al momento della raccolta. La nocciola dalla cascina al forno: selezione, tostatura e la trasformazione in squisiti prodotti della tradizione. A seguire “La nocciola nel passato e nel presente”: le proprietà e i tanti utilizzi della nocciola (dai rami alle foglie, fino al nocciolio)

Attività pratica: costruzione di un cartellone tematico utilizzando le nocciole. Costruzione di uno “scaldotto” di tela (dipinto dai bimbi con colori x stoffa) utilizzando i gusci di nocciole.

Costo a classe: 69,00 euro. Modalità di svolgimento: lezione frontale ed attività pratica in classe della durata di 2 ore.

IL PIEMONTE: DOVE LA VITE È VITA. IN VIAGGIO CON BACCO ALLA SCOPERTA DELLA VITE… TRA STORIA, LEGGENDA E BONTÀ.

Destinatari: scuola primaria e scuola secondaria di primo grado.

Introduzione delle tematiche legate al cibo, con particolare attenzione verso il concetto di alimentazione sana, di prodotto a km zero, di tutela dell’ambiente e della salute del consumatore, nonché della salvaguardia dell’economia rurale locale. Collegamento tra tali tematiche e la vite/vino. Breve presentazione multimediale con illustrazione del ciclo vitale della pianta e del processo di vinificazione: dall’importanza del suolo alla potatura, dalla vendemmia alla bottiglia. A seguire “Il vino nel passato e nel presente”: storia dell’uva e del vino nel mondo… tra realtà e mito.

Attività pratica: dopo la storia del vino… il vino della storia. Preparazione dei vini più strani del passato, da quello degli Egizi a quello del Medioevo, usando le antiche ricette… tra spezie, erbe aromatiche e magici ingredienti. Attività creativa del “vinarello”… per imparare a dipingere con il vino!

Costo a classe: 69,00 euro. Modalità di svolgimento: lezione frontale ed attività pratica in classe della durata di 2 ore.

PROGETTO SCUOLA/LAVORO: L’EDUCAZIONE COOPERATIVA NELLE SCUOLE.

Destinatari: scuola secondaria.

COME POSSIAMO RAGGIUNGERE IL NOSTRO OBIETTIVO NEL MONDO DEL LAVORO?

Possiamo creare una Società Cooperativa dal nulla? Come? Partiamo dall’analisi S.W.O.T. e costruiamo il nostro business plan.

Costo a classe: 100,00 euro. Modalità di svolgimento: lezione frontale in classe della durata di 4 ore.

Obiettivo: creare una cooperativa simulata con il proprio statuto, organi, bilancio e business plan.

Costo a classe: 200,00 euro. Modalità di svolgimento: lezione frontale e pratica in classe per l’intera giornata. Obiettivo: creare una cooperativa simulata con il proprio statuto, organi, bilancio e business plan. A seguire attività pratica volta allo sviluppo di un business plan.

Per info e prenotazioni: info@welcomepiemonte.it – 339 5315104 –  348 3938038